Cosa Serve Per Un Neonato: I Magnifici 7

Luce notte è uno degli accessori utili per neonati

Cosa Serve Per Un Neonato: I Magnifici 7

COSA SERVE PER UN NEONATO: I MAGNIFICI 7 ACCESSORI INDISPENSABILI

Cosa serve per un neonato? Quali sono gli accessori utili e indispensabili? Quando si diventa genitori per la prima volta si tende a passare in rassegna il web alla ricerca di cosa comprare per l’arrivo del bebè. Già con l’arrivo del primo figlio, non si sa cosa aspettarsi, almeno è bene avere tutto il necessario per accogliere la new-entry, senza poi doversi sbattere in giro con carrozzina al seguito, e con il pensiero allattamento che aleggia come un avvoltoio sulle vostre spalle, alla ricerca degli ultime cose da comperare! Proprio come è successo a me!
Da qui nasce la mia personalissima mini guida su quello che realmente serve quando si torna a casa dall’ospedale dopo aver partorito: i magnifici 7 accessori indispensabili da avere in casa, per facilitare la vita dei neogenitori!

1) Luce notturna per bambini

Non comperate la luce notturna con sensore di movimento che si accendono solo al passaggio. Di notte, se si deve allattare o semplicemente controllare il neonato, se non si ha una luce, non si riesce a vedere nulla. Le normali abajour fanno troppa luce e sono fastidiose.
Potete comperare una luce notturna con interruttore a led, da posizionare sopra al comodino della vostra camera, al posto della normale abajour a lampadina, il costo è intorno ai 15-20 euro; quando poi non ne avrete più bisogno, la metterete nella camera dei bambini.

Per me la luce notturna led da tavolo è fastidiosa, perché il bagliore è troppo vicino al mio viso, io amo dormire al buio pesto, quindi ho sempre preferito una normalissima luce notturna bambini da presa, a spina, costano intorno ai 6-10 euro, che non fanno tanta luce quanto una abajour.

La mia è led 0,5W (200V-50Hz), attaccata alla presa vicino alla porta, così non mi infastidisce e vi assicuro che illumina tutta la stanza, perfettamente. È sempre la stessa dalla nascita del mio primo figlio, quindi da 4 anni e mezzo, a 10 euro, non male vero? Che sia da tavolo o da presa, questa luce notturna per bambini la trovate tranquillamente in qualsiasi negozio di elettrodomestici o in internet.

Cosa serve per un neonato? Di sicuro una luce notturna per bambini a led

2) Aspiratore nasale per neonati

L’aspiratore nasale per neonati è necessario quando il neonato prende il raffreddore, non sapendo soffiare il nasino, bisogna assolutamente togliere e quindi aspirare il catarro (sempre dopo il classico lavaggino di soluzione fisiologica che serve ad ammorbidire il muco, vedi sotto). Ce ne sono di 3 tipi e li ho provati tutti e tre:

  • L’aspiratore nasale a pompetta

costa circa 5-6 euro, io avevo quello della chicco, consigliato dalla farmacista, una delle cose più inutili che abbia mai comprato! Non aspira assolutamente niente! Per chi non lo sapesse è una pompetta che va schiacciata, inserita nella narice del neonato e poi rilasciandola, dovrebbe aspirare il muco. In realtà non imprime la forza necessaria perché venga aspirato il muco.

  • Aspiratore nasale elettrico neonato

consigliato da una coppia di amici. Costo all’incirca € 23, non economico. Dovrebbe aspirare il muco dal neonato, premendo un pulsantino, io ho l’aspiratore nasale Bébé Confort, pagato € 23! Lo avevo comperato perché è un aspiratore nasale senza ricambi, cioè non necessita di beccucci da dover comperare, ma si disinfetta quello in dotazione. Peccato che non aspiri una cippa lippa. Non so se sia peggio l’aspiratore nasale a pompetta o quest’ultimo!cosa serve per i neonati di sicuro l'aspiratore nasale per neonati bebe confort

  • Il classico aspiratore nasale a bocca, manuale, indicato da 0 a 2 anni

io ho quello della Narhinel, vi lascio il sito https://www.narhinel.it/linea-0-2/narhinel-aspiratore-nasale-soft, costo neanche € 6 in farmacia, (ce ne sono anche di altre marche, sono tutti uguali), con il quale, grazie alla forza estrattiva di noi genitori, risucchia l’impensabile!!Aspiratore nasale manuale per neonati

L’unica pecca è che bisognerebbe cambiare il beccuccio ad ogni utilizzo, quindi utilizzarne sempre uno nuovo. C’è chi li usa più volte, disinfettandoli e chi invece si attiene alle istruzioni d’uso e quindi compra sempre quelli nuovi. I più convenienti si trovano in internet: € 7,90 i 20 ricambi della Narhinel. Tenete conto che la Narhinel è tra le più care.

La più economica che ho trovato è la Isomar: 20 ricambi ad € 3,00!! Mentre l’aspiratore nasale per neonati costa € 6,86. Per chi non lo sapesse aspiratore nasale e ricambi devono essere della stessa marca, altrimenti non vanno bene. Io che ho l’aspiratore nasale della Narhinel, non posso comprare i ricambi della Isomar, non andranno bene; se volessi risparmiare nel tempo, dovrei acquistare l’aspiratore nasale della Isomar.

3) Soluzione fisiologica per lavaggi nasali

La soluzione fisiologica per lavaggi nasali va utilizzata in combinazione con l’aspiratore nasale per neonati. Questa deterge molto delicatamente le mucose nasali di neonati e bambini, aiutandoli a respirare meglio. L’uso della soluzione fisiologica naso neonato libera il naso dal muco, favorisce l’eliminazione delle secrezioni in eccesso e umidifica le mucose nasali. Non ha controindicazioni. Si trova in flaconcini monodose oppure in spray che però, come da indicazione farmaceutica, non è indicato per i neonati.

Cosa serve per i neonati? Di sicuro la soluzione fisiologica per lavaggi nasali

Un flaconcino di soluzione fisiologica andrebbe spruzzato direttamente nelle narici, metà in una e l’altra metà nell’altra. Io lo trovo troppo invasivo. A me è successo una volta, che, credo la testa del bambino non fosse proprio nella posizione corretta e cioè tutta da un lato, la soluzione fisiologica sparata, ha fatto sì che il bimbo non respirasse. Per me e il mio compagno è stato abbastanza traumatico, quindi, dietro suggerimento della mia pediatra ho acquistato un atomizzatore nasale spray. L’invenzione del secolo! Ai genitori apprensivi consiglio di approfondire, non ve ne pentirete https://www.thetubetrotter.com/aluneb-mad-nasal/

4) Aerosol a pistoni o ultrasuoni

Se prima di avere bambini, non lo prendavate in considerazione, è di sicuro uno degli accessori che dovrete comprare. Ne esistono di due tipi l’ aerosol a ultrasuoni e l’ aerosol a pistoni. Io li ho avuti entrambi, quale scegliere? Avevo cominciato a fare l’aerosol ad ultrasuoni Laica MD6026, € 50,00 circa, perché mi era stato regalato. Per prima cosa c’è chi dice che gli ultrasuoni facciano male alla salute, se cercate nel web, troverete articoli al riguardo.

Cosa serve per un neonato l'aerosol a pistoni o ultrasuoni

L’aerosol a ultrasuoni è:

  • PRO: più veloce dell’aerosol pneumatico, in 5 minuti vaporizzava 5ml.di soluzione fisiologica, fantastico, nessun altro lo uguaglia; è più silenzioso, non fa rumore, quindi si può fare anche al bimbo mentre sta dormendo, il che vi assicuro è super fantastico, un puntone a favore;
  • CONTRO: dovevo continuamente comperare delle ampolline di plastica monouso, quindi da cambiare ad ogni utilizzo. Queste non sono economiche visto che 10 ampolline costano € 6,00 circa, senza contare poi lo spreco di plastica.

Aerosol a pistoni, per me è stata una battaglia:

Avevo acquistato l’aerosol Chicco, ce n’è soltanto uno, non funzionava, quindi l’ho ricambiato pensando fosse difettoso, niente da fare, anche il secondo era lentissimo: ci volevano almeno 20 minuti, una pazzia! Sono pochi i bimbi che stanno immobili per 20 minuti con una mascherina sul viso.

L’ho cambiato e ho comperato l’aerosol pneumatico della Laica NE2003, lo trovate tranquillamente scontato ad € 35,00 circa.

Aerosol pneumatico classico per bambini e adulti

  • PRO: l’aerosol pneumatico non prevede altri costi aggiuntivi perché i componenti in dotazione sono lavabili;
  • CONTRO: meno veloce, i 5 minuti sono solo un bellissimo ricordo, ce ne vogliono 10 abbondanti ed è rumoroso.

Non c’è uno peggiore o migliore dell’altro, valutate quali pro preferite, se quelli dell’aerosol ad ultrasuoni o quelli dell’aerosol pneumatico e a voi la scelta!

5) Scalda biberon Chicco come si usa

Scaldabiberon e saldaomogeneizzati da viaggio della Chicco

Vi parlerò dello scalda biberon Chicco come funziona perché è quello che ho. Non l’ho acquistato al primo figlio perché ritenevo fosse inutile. Riscaldavo il biberon a bagnomaria, quindi sprechi gas, ovviamente si riscalda sempre troppo, quindi, metti il biberon sotto l’acqua fredda corrente e si consumano litri di acqua (e a noi tubetrotters non piace “scialacquare”, passatemi il gioco di parole!!), continui a controllare la temperatura e intanto il latte schizza ovunque in cucina. E se non si sta attenti, si rischia di bruciare la bocca al neonato. Poi, per magia, mia cognata mi ha passato il suo: una manna dal cielo! Non si può vivere senza lo scalda biberon che è anche scalda omogeneizzati!!!

Io ho lo scaldabiberon casa viaggio Chicco, dotato anche di presa per l’auto. Lo scalda biberon Chicco prezzo varia dai 32 ai 35 euro.

Scalda biberon Chicco come si usa: semplicissimo, si mette l’acqua nel vano dello scalda biberon e riscalda sia il biberon che gli omogeneizzati, per me, che non ho il microonde, ha un doppio vantaggio. Non metteteci acqua calda per velocizzare il tempo, perché il meccanismo dello scalda biberon Chicco si basa proprio sullo scaldare l’acqua. Se ce la mettete già calda, come ho provato io, lo scalda biberon segnalerà subito che il latte è caldo, quando in realtà non lo è.

6) Contenitore per pannolini sporchi

Anche questo scoperto un po’ tardi, ma assolutamente necessario. Dove si mettono i pannolini sporchi che puzzano da morire? Nei bidoni per pannolini sporchi, cioè un contenitore per pannolini sporchi, con sacchetti appositi che non lasciano trapassare l’odore nauseabondo. Di bidoncini porta pannolini sporchi ce ne sono di varie marche in commercio: Chicco, Sangenic e l’Angelcare della Foppapedretti, dai 27 euro ai 37 euro circa quelli più economici, quello della Chicco è il più caro.

Non è il costo del bidoncino pannolini in sé che preoccupa, in quanto una volta acquistato dura tranquillamente per 10 figli, quanto la ricarica del bidoncino porta pannoliniIo ho l’Angelcare, in media 3 ricariche bidoncino porta pannolini originali (a detta della Foppapedretti ogni ricarica magia pannolini contiene 180 pannolini circa), costano € 24,90 in promozione nel sito; mi duravano veramente poco, era una spesa troppo alta.

Quindi sconsiglio vivamente di comperare le ricariche originali perché troppo onerose, ma di sostituirle con quelle compatibili. Vi lascio il link per sapere come funziona e dove trovare la ricarica del pannolini sporchi: contenitore e sacchetti.

7) Dispositivo anti abbandono auto

dispositivo anti abbandono Chicco per il seggiolino auto

Nella lista di cosa serve per un neonato, è rientrato anche il dispositivo anti abbandono auto perché è diventato obbligatorio dal 6 marzo 2020, per i bambini al di sotto dei 3 anni. Quindi rientra obbligatoriamente nella categoria accessori utili e indispensabili! Vi lascio i dettagli su come funzionano https://www.thetubetrotter.com/dispositivi-anti-abbandono-auto/

Cosa aggiungereste a questa lista di cosa serve per un neonato? Quali accessori indispensabili aggiungeresti ai magnifici 7? Quale strumento mancante è stato o è indispensabile per voi tubetrotters? Scrivetelo nel box qui sotto così lo aggiungiamo alla lista, grazie!

Tags:
No Comments

Post A Comment